Lunedì, 06 Luglio 2020 09:40

La canapa tessile

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

La canapa tessile è stata utilizzata nella storia del nostro paese in svariati campi.

I tessuti freschi e robusti presenti nelle case delle campagne italiane, la conservazione dei prodotti alimentari e delle spezie in sacchi di canapa, le reti e le corde nei villaggi dei pescatori: la canapa tessile era presente nel quotidiano delle nostre vite.

La produzione italiana ha detenuto per lungo tempo il record a livello mondiale per la qualità del prodotto creatovi. In seguito, a causa delle leggi che ne vietarono la coltivazione, la produzione cessò, creando un notevole incremento nel mercato di tessuti artificiali di origine petrolchimica come il nylon.

Tra la fine del 1800 e i primi anni del 1900, l’Italia produceva incredibili tessuti canapai per l’arredamento e la biancheria, unendo alla grande qualità del filato il gusto inconfondibile del made in Italy.

Oggi, grazie alle nuove tecniche di lavorazione che rendono la canapa simile al lino più sottile, è possibile disporre di filati leggeri e luminosi, adatti per l’ abbigliamento di uomo e donna.

Indossare un capo in canapa, sia puro che mischiato ad altre fibre, offre una esperienza di comfort sensoriale notevole. La canapa, infatti, è igroscopica, assorbe e disperde umidità, altamente isolante, protegge sia dal caldo che dal freddo, è antistatica, antibatterica, capace di filtrare fino al 95% dei raggi UV e di schermare parzialmente dall’inquinamento elettromagnetico.

Resistente e completamente biodegradabile, il tessuto offre anche un piacevole micromassaggio a contatto con la pelle.

Il tessuto di canapa rappresenta una scelta attenta e vantaggiosa, il mercato del biotessile è in continua evoluzione e, grazie all’interesse verso la riqualificazione della canapa, sicuramente in espansione.

Riscoprire le caratteristiche di un tessuto come quello derivante dalla canapa è al contempo fare un tuffo nel passato e, grazie alle moderne tecniche di lavorazione, un tuffo nel futuro, alla scoperta di una grande risorsa.

Letto 277 volte

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.